Archivio tag: SERANGELI

CV coloniale

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Non mi prendo certo l’onere di filosofeggiare, come tanti, troppi notisti di questi tempi. La mia è solo una riflessione ad alta voce, che nasce spontanea dal fenomeno che… Continua a leggere

Povera Vecchia

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Un po’ di coraggio collettivo sembra aiutare questa lenta ripresa della vita quotidiana. Non è la normalità. Quella chissà quando torneremo a riaverla con l’antica disinvoltura che abbiamo perso;… Continua a leggere

Un calcio al virus

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Una domenica pomeriggio con la tramontanina e il sole a picco, che ti consiglia di approfittare del quasi dopo quarantena con uscite  moderate e necessarie, e non rischiare qualche… Continua a leggere

Monnezza & monnezza

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Una ville sale, sporca e sudicia, in cui è difficile addentrarsi fra le immondizie e gli scarti di tutti i tipi, perfino i resti di animali macellati, fra la… Continua a leggere

IL FUMO FA MALE

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Non ho mai fumato sigarette. Ne ricordo due tre da ragazzo, al buio della galleria del cinema Bernini con mio cugino Mauro: erano le Serraglio piatte che fumava mio… Continua a leggere

DOPOGUERRA

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Capitava che mia madre, quando ero ancora un ragazzino,  durante un temporale con tuoni e fulmini, magari di notte, si alzasse dal letto sconvolta e con il fiato corto,… Continua a leggere

Tempi moderni

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Il dicitur delle nostre traduzioni dal latino ben si attaglia in questi tempi bui, in cui, appunto, si moltiplicano i “Dicono che il virus lo propagano i trasmettitori 5… Continua a leggere

La scomparsa di Luis Sepulveda. Un ricordo.

di

di SILVIO SERANGELI ♦ La morte di Luis Sepulveda. Dico: “Maledetto virus, e maledetta memoria”. In me rimane una grande emozione, che fa vibrare  i pensieri,  invita alla commozione e confonde i ricordi.… Continua a leggere

Dall’attesa alla paura

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Questa mattina, finalmente, si è allentata un po’ la tensione. Dopo una notte per lo più insonne, e di cattivi pensieri, con mia moglie abbiamo potuto vedere dal vivo… Continua a leggere

Di questi tempi. Una riflessione personale.

di

di SILVIO SERANGELI ♦ I tricolori ai balconi sembrano stracci, sgualciti dal sole e dall’umidità della notte. I canti, e annessi tentativi decisamente stonati, il fragore dei coperchi delle pentole festosamente mostrati ai… Continua a leggere

La Chartreuse

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Fra le pagine più significative e le più moderne di Stendhal, ci sono quelle che raccontano, in presa diretta, vorrei dire cinematografica, dell’immersione dello sbarbatello Fabrice, Fabrizio del Dongo, nella… Continua a leggere

La battaglia di Lepanto

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Principe e duca di Paliano, Viceré di Sicilia, gran conestabile del Regno di Napoli, nonché duca di Tagliacozzo, conte di Ceccano, signore di Genazzano e di Marino e via discorrendo,… Continua a leggere

Er sòrdo ‘n bocca

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Fra gli scaffali con le centinaia di videocassette dell’archivio di Telecivitavecchia ho ricavato uno spazio per collocare quello che, per me, significa, non solo simbolicamente, l’inizio del nostro impegno per… Continua a leggere

Belfiore

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Che mi resta in questo Spazio Libero, in gran parte occupato dall’apoteosi del ricordo azzurro del mondiale di Berlino? Quello dell’astuta provocazione dello scarso Materazzi, sempre sopravvalutato dalle cronache gazzettiere… Continua a leggere

Il pisciarello

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Alla fine, presero pale, caravine e un paio di mazze e fecero piazza pulita. La piazza era Piazza d’Arme, quella destinata alle esercitazione della guarnigione, l’ingombro, l’inutile impiccio, finalmente tolto… Continua a leggere

Raptus

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Confesso di non aver mai sopportato la diversità inglese: la guida a destra con le strade che non sono più quelle d’inizio Novecento è a dir poco ridicola; il sandwich, il… Continua a leggere

TRC

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Sono 3052 le voci che ho catalogato degli argomenti contenuti nelle videocassette in formato U-matic, Super-VHS e VHS, che compongono l’archivio di TRC dal 1981 al 1990. Un lavoro di… Continua a leggere

Il fico

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Le ville, le villette di S. Gordiano: l’immancabile taverna, tavernetta, giardino, giardinetto. Mio padre, che aveva passato l’adolescenza nei campi, nella nostra villetta di S. Gordiano, nei pionieristici Anni Sessanta… Continua a leggere

Girotonde

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Tutti giù per terra. Proprio così siamo finiti, dopo gli inebrianti girotondi che, sembrava, potessero cambiare il piccolo mondo italiota. Grande festa, continua, tanta passione, le piazze stracolme, le persone… Continua a leggere

Maledetto cemento

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Fra le foto della mia infanzia, scattate da mio padre con la sua Voigtländer Bessa a soffietto, che ancora conservo gelosamente, due mi inquadrano in una ripida scarpata di ciottoli che si… Continua a leggere

Frutta e verdura

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Cenavamo presto. Puntuali a tavola alle sette dalla siòra Mirosa, la moglie del camionista Bepi, che teneva pensione in un vecchio casamento, di quelli caratteristici del Polesine con la cappa… Continua a leggere