Archivio tag: SERANGELI

Fatti & Fattacci della Civita-Vecchia dell’Ottocento – 10. La fuga

di

di SILVIO SERANGELI ♦ C’era sorpresa, quasi sgomento e molta delusione nel viaggiatore che pieno di curiosità, finalmente, si trovava di fronte, quasi a toccarlo, il brigante Gasparone. Ma come, era proprio lui,… Continua a leggere

SI VAX

di

di SILVIO SERANGELI ♦ CV, 12 ottobre 2021 terza dose Pfizer, ore 10,40. Conserverò il braccialetto blu, che mi è stato applicato in una delle procedure per l’inoculazione del vaccino Pfizer anti-covid, e… Continua a leggere

Fatti & Fattacci della Civita-Vecchia dell’Ottocento  – 9. Er Marchese

di

di SILVIO SERANGELI ♦ «Fio bello, si nun cugi nun fili e nun tessi, li guadrini chi tte li dà?» Mia nonna Maria, 92 anni, teneva conclave, distesa sul suo lettone con figlie,… Continua a leggere

La melma leghista

di

di SILVIO SERANGELI ♦ L’anniversario dell’alluvione del 2 ottobre 1981 fa riflettere su una città, ormai da qualche anno, con l’acqua alla gola, disastrata in tutti i settori, allo sbando e senza un… Continua a leggere

Cv-Orte: diligenza o drone?

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Due sembrano le soluzioni realizzabili per collegare Cv con Orte: il ripristino dell’antico servizio delle diligenze o il futuristico uso di grandi droni. E’ la strada indicata, senza se… Continua a leggere

Fatti & Fattacci della Civita-Vecchia dell’Ottocento – 8. BICETTA

di

8 Bicetta di SILVIO SERANGELI ♦ Curiosi, sfaccendati di tutte le risme si accalcavano, davano micidiali gomitate davanti alla chiesa, per farsi largo. I gendarmi controllavano ogni angolo, erano andati a ispezionare, scala… Continua a leggere

Fatti & Fattacci della Civita-Vecchia dell’Ottocento – 7. Il Greco

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Da cancelliere ne aveva spuntati a centinaia  di battelli sui registri del consolato, fitti di puntuali indicazioni e cifre, e ne aveva scritte di relazioni di pagine e pagine… Continua a leggere

La terza Casta

di

di SILVIO SERANGELI ♦ «La caricatura obesa e ingorda della politica italiana». È del 2007, tanto tempo fa, la denuncia della «Casta di intoccabili» nel saggio che fruttò più di un milione di… Continua a leggere

FATTI E FATTACCI DELLA CIVITA-VECCHIA DELL’OTTOCENTO – 6. CONCHIGLIE

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Il Maestro batteva la canna d’India sul selciato e guardava il cipollone d’oro con catena. «Ma quando arrivano, che fine hanno fatto?» Proprio in quel momento, a rompere l’impazienza… Continua a leggere

FATTI E FATTACCI DELLA CIVITA-VECCHIA DELL’OTTOCENTO – 5. Er gatto e la vorpe

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Capitava che i due amici portassero fuori dalla bottega le sedie per godere della brezza che veniva su dal mare, dal porto che stava proprio lì sotto. Si godevano… Continua a leggere

FATTI E FATTACCI DELLA CIVITA-VECCHIA DELL’OTTOCENTO – 4. Annarella

di

di SILVIO SERANGELI  ♦ Che altro poteva fare, quella mattina, la folla dei nullafacenti che popolava in numero spropositato quel porto di mare. Erano lì, ammucchiati fuori della prigione delle donne per vedere… Continua a leggere

Il contesto

di

di SILVIO SERANGELI ♦ È capitato che, rimettendo in ordine una cassapanca abbiamo ritrovato alcuni albumetti fotografici della nostra gioventù: di mia moglie e mia. Nessuna nostalgia, ma l’emozione e il sorriso che… Continua a leggere

FATTI E FATTACCI DELLA CIVITA-VECCHIA DELL’OTTOCENTO – 3. Tittirillo

di

di SILVIO SERANGELI ♦ «Tittirì svejete, Tittirì arzete sinnò te butto giù dar pajericcio. Daje che dovemo d’annà, sinno nun se magna. E daje che l’artri stanno già pe’ strada». Comare Marfisa, un… Continua a leggere

FATTI E FATTACCI DELLA CIVITA-VECCHIA DELL’OTTOCENTO – 2. Santa Firmina

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Al presidio, fra le guardie della darsena, c’era entrato con l’aiuto del  monsignore a cui la madre Assuntina faceva i servizi, gli lavava e stirava i panni, gli rassettava… Continua a leggere

Salvate il soldato Ryan

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Se scorrete l’èpos del soldato a stelle e strisce, che ci perseguita dal dopoguerra nel calderone di film e telefilm, forse potete intravedere una chiave di lettura della disfatta… Continua a leggere

Notti magiche

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Si è aperto il portellone dell’aereo e, come una magia, è comparsa la coppa argentea, grande e scintillante ai raggi del solleone romano. Dopo tempo inenarrabile, il popolo italico… Continua a leggere

Il crepuscolo del Cav. Manzi 5/finale

di

di SILVIO SERANGELI ♦ La morte improvvisa di Pietro Manzi lascia la sua famiglia fra mille problemi. Basti pensare che le figlie e i figli sono dei bambini e la madre si trova… Continua a leggere

IL CREPUSCOLO DEL CAV. MANZI 4/5

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Gli “affari”  del Cav. devono fare i conti con il potere di fantomatici marchesi e visconti non certo per discendenza ma per tornaconto papalino, neppure aristocratici e tanto meno… Continua a leggere

IL CREPUSCOLO DEL CAV. MANZI 3/5

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Le svariate attività del cav. bastano a mantenere un tenore di vita dignitoso. Per dire che i tanto lodati ritrovamenti nelle campagne di scavo non danno ricchezza: c’è da… Continua a leggere

Il crepuscolo del Cav. Manzi 1/5

di

di SILVIO SERANGELI ♦ ***  Anche in questo feuilletton che segue quello dei Marginalia propongo spunti e materiali di ricerca  stendhaliani non utilizzati per scelta editoriale nei miei lavori. Salvo errori ed omissioni.… Continua a leggere

Storie di libri-Marginalia-Stendhal-CV /6 finale

di

di SILVIO SERANGELI ♦ Milano. Se da piazza Cinque Giornate prendi il 17, un tram d’altri tempi, alla fine di Corso di Porta Vittoria, ti trovi sulla sinistra, fra tanti palazzoni anonimi, l’estroso Palazzo Sormani,… Continua a leggere