ANATOMIA DI DUE BANDE (III)

di CLAUDIO GALIANI ♦

LA SQUADRA DI MARONCELLI

La banda Maroncelli si costituisce subito dopo l’8 settembre. All’inizio si compone di circa venticinque elementi. In breve tempo, con la propaganda e con l’immissione di sottufficiali e militari sbandati, si allarga notevolmente.

Questo è l’elenco dei partigiani combattenti, riconosciuto dalla Commissione regionale del Lazio il 13 gennaio 1949, con i gradi partigiani e la loro corrispondenza alla gerarchia militare.

Oltre ai settantaquattro partigiani combattenti, di cui tre feriti e quattordici morti, sono stati riconosciuti 189 patrioti, a dimostrazione di un’estesa fascia di sostenitori.

Nucleo iniziale dell’8 settembre 1943

Maroncelli Ezio                     Comandante                           Capitano

Morra Antonio                       Commissario                                “

Foschi Antonio                       Comandante                           Tenente

Antonini Secondiano             Commissario                                “

Conti Riccardo                         Comandante                                  “                                                  

Volpi Eldo                                  Commissario                                 “   

Pistolesi Vidio                                    “                                              “

Mori Libero                                        “                                              “

Foschi Alessandro                  Vice Comandante                           “

Del Duca Giulio                     Vice Commissario                            “

Morra Giuseppe                     Ispettore Organizzativo                “               

Pagani Anna                           Comandante                           S.Tenente

Zamparini Orzio                                 “                                        “      ferito il 6 giugno a Veiano

Pierucci Enrico                                   “                                        “

Catalani Fiore                                     “                                        “

Mazzella ?                              Commissario                               “

De Paolis Mario                     V. Comandante                           “

Salerni Giulio                         V. Commissario                           “

Olivieri Ermanno                  Intendente                                   “

De Santis Agostino               Ispettore                                        “

Scotti Remo                           Capo di S. M.                                “

Niedda Pietro                                     “                                       “

Abbadini Aldo                       Com.te di Squadra                 Maresciallo    

Foschi Amerigo                                 “                                        “     

Comite Franco                       Sergente Maggiore                 ferito il 7 giugno ad Allumiere

Inseriti il 24 settembre

Minio Alfonso                        Comandante                           S. Tenente

Conte Raffaele                                   “                                       “

Giordani Paolo                       Capo  di S.M.                            “

Terribili Eritreo                     Commissario                           ”

Pierotti Italo                                       “                                     “

Salerni Settimio                     Ispettore Organizzativo        “

Piroli Nemesio                       V. Comandante                       “

Galli Antonio                         V. Commissario                       “

Ravaioli Domenico                Capo di S.M.                            “

Mattera Francesco                  Com.te di Squadra                 Maresciallo

Vittori Vincenzo                                “                                     ”   

Laurindi Alberto                                “                                    “    ferito il 29 ottobre a Bieda

Angelini Mario                                  “                                     “

Bianchi Gervasio                               “                                    “

Galletti Gualtiero                               “                                    “

Rinallo Diego                         Com.te di Nucleo                   Sergente

Scotti Paolo                                        “                                      “

Gaudenzi Guerrino                           “                                      “  

Panico Angelo                                    “                                      “

Peris Domenico                                 “                                      “  

Busnengo Arrigo                               “                                      “

Inseriti nelle settimane successive

 Morra Alfonso                       Comandante                           S. Tenente

Faccenda Francesco               Commissario                            

Lucidi Roberto                       Com.te di Squadra                 Maresciallo

Stefanini Ottorino                                                                      

De Somma Gino                                                                          

Struelli Gottardo                                “                                         “

Morra Domenico                                “                                        “

Giudice Agostino                               “                                         “

Amanti Marcello                                “                                        “

Piendibene Renato                 Comandante di nucleo            Sergente

Vegro Alberto                                    “                                          “

Maroncelli Altero                              “                                         “

Rocchi Antonio                                  “                                         “

Bartolini Elio                                      “                                        “

 Caduti civili

Consolati Romeo                   La Bianca, 6 ottobre 1943

Caciornia Angelo                   Casalone,  17 novembre  1943

Gabrielli Luigi                                   “

Belfiore Carlo                                    “

Santi Emiliano                                   “

Speroni Dino                          Aurelia, 11 febbraio 1944

Fanelli Felice                                     “

Caduti militari

Russo Luigi

Nobili Mariano

Nobili Orsio

Piras Antonio            

Caddu Antonio

Casamassima Franco

Lai Francesco

 L’identikit

Ezio Maroncelli, muratore di 33 anni, è il Comandante militare. Rilasciato il 16 agosto da Regina Coeli, dove è recluso da aprile, promuove con altri l’ organizzazione della banda. E’ interessante la testimonianza che più tardi renderà sul valore formativo che per lui ha avuto l’esperienza del carcere, dove ha potuto stringere contatti importanti. In particolare, con Filiberto Sbardella, uno dei capi di “Bandiera Rossa”, formazione comunista molto attiva a Roma e ben radicata in alcuni Comuni, come Viterbo,Tarquinia e Tuscania.

In polemica con il PCI, “Bandiera Rossa” resta ostile al Governo Badoglio e rifiuta l’ingresso nel C.L.N.

Maronce

Ezio Maroncelli

 

Antonio Morra è il Commissario politico. Su di lui c’è poco da scoprire. Iscritto sin dalla fondazione al Partito comunista, in prima fila in tutte le azioni degli Arditi del popolo, sorvegliato speciale, confinato tre volte, agitatore permanente, garantisce anche i contatti con i militanti tolfetani, dove ha formato dal 1937 una cellula comunista.

Un ruolo di primo piano hanno Giulio Del Duca, impiegato ragioniere, e i fratelli Foschi, Antonio, Alessandro, Amerigo, commercianti.

Alessandro è anche membro del C.L.N. che si è formato il 10 settembre, riunito in un bosco di castagni, dove rappresenta la componente comunista con Antonio Morra e  Persilio Persi.

I socialisti sono rappresentati nel C.L.N. da Vincenzo Benedetti e Domenico Pierucci, i democristiani da Gatta Cheren, Ortensio Pierantozzi e Agostino Mendola, il Partito d’Azione da Giocondo De Dominicis e Pietro Amorosi.

Settimio Salerni appartiene, con i fratelli Benedetto, Menotti e Augusto, ad una famiglia leggendaria del sovversivismo anarchico cittadino. Il padre Adamo e lo zio Settimio sono stati tra i più accesi partecipanti alla lotta dei portuali del 1897, arrestati e processati, ma assolti, per l’accusa di minacce verso un caporale.

Agitatore antimilitarista,  tra i fondatori dell’ Arditismo locale, spirito combattente impegnato in tutti i conflitti contro le squadre fasciste, Settimio ha scontato tre anni a Lipari.

Con lui è il nipote Giulio, figlio di Menotti. Militare alla Maddalena, rientrato in continente e recluso per un breve periodo al Forte Boccea,  appena liberato si trasferisce ad Allumiere per unirsi alla banda.

Italo Pierotti, portuale, è anche lui tra gli ammoniti della polizia, sotto controllo dal 1930 al 1932, noto alla polizia per la frequentazione di altri sovversivi, come Morra e Pucci.

Il padre, Pietro, è stato nel 1895 tra i fondatori  del circolo socialista Karl Marx, ha guidato nel 1897 le lotte dei portuali nel corso delle quali è stato arrestato insieme a Giuseppe Alocci, è stato tra i fondatori della Cooperativa tra i lavoratori del porto.

Secondiano Antonini, nato a Priverno, muratore, è legato strettamente ad Antonio Morra. Rilasciato dal carcere insieme a Ezio Maroncelli, gli resta a fianco nella costituzione della banda.

Antonio Galli, comunista, è controllato dalla polizia sin dal 1931, perché tenta di organizzare l’eversione tra gruppi di giovani, senza apparenti successi. Ha in progetto di espatriare con Edmondo Marcucci e Gottardo Struelli. I suoi movimenti vengono seguiti costantemente fino al 1942.

Gottardo Struelli, amico di Antonio Morra, è uno dei sovversivi che hanno frequentato la famigerata osteria di via Trieste 43, vigilato speciale fin dal 1931.

Tra i patrioti vicini a Morra, di Tolfa, troviamo Gino Chiavoni, anche lui spedito al confine, Domenico Fronti e Augusto Ruina, impegnati nella nascita della cellula comunista di Tolfa alla fine degli anni 30.

Nemesio Piroli, di Allumiere, è un maturo militante, sorvegliato dal 1931. Tra i patrioti c’è il figlio Ennio, giovane universitario.

Nella lotta, cinquantenni come Antonio Morra e Nemesio  Piroli militano a fianco di giovani come Marcello Amanti, diciassettenne.     

Alcuni, come Renato Piendibene,  Domenico Peris, Giulio Salerni, Ottorino Stefanini o Ennio Piroli non hanno compiuto i venti anni o li hanno superati da poco.

Carlo Belfiore, ucciso nel corso di in un rastrellamento, ne aveva 12.

Renato Piendibene è fuggito da La Spezia, dove era marinaio. Antifascista, oltre che per tradizione di famiglia, ”per amore del Jazz”. E’ stato arrestato dai tedeschi dopo l’8 settembre, è riuscito a fuggire travestito da prete e, raggiunta avventurosamente Allumiere, si è aggregato alla banda.

Domenico Peris,  figlio di un portuale antifascista che ha partecipato alla fondazione della Cooperativa, si è allontanato dopo l’8 settembre da Roma, dove prestava servizio nel reparto  dei carabinieri a cavallo, e si è unito ai partigiani di Allumiere.

Giovani sono, naturalmente, i militari aggregati, compresi i morti nello scontro a fuoco di Monte Cucco.

Abbiamo sottolineato alcuni casi, ma tutti i membri della banda, partendo dalla A di Angelini, passando per Riccardo Conti e gli Scotti, fino alla V di Vincenzo Vittori e Eldo Volpi, sono convinti militanti antifascisti.

La base sociale é sostanzialmente popolare, ma variegata: molti gli operai e i portuali, qualche artigiano e alcuni, come i Foschi, commercianti.

Gli anarchici

In entrambe le formazioni partigiane militano molti anarchici. Non è un fatto consueto.

Gli anarchici preferiscono, dove possono, formare loro proprie organizzazioni o associarsi ad altre meno ostiche al loro credo “libertario”, come “ Bandiera Rossa” o “Giustizia e Libertà”.

La loro confluenza ad Allumiere e a Bieda non si spiega col fatto banale che convivono come sfollati. Le ragioni di questa  collaborazione sono forti e antiche.

Richiamano le lotte del movimento degli Arditi, una consuetudine cospirativa che si protrae lungo il ventennio, per alcuni l’ esperienza comune del confino.

Per qualche categoria, come i portuali, opera la solidarietà maturata sul posto di lavoro.

Tutti condividono  in fondo una cultura della ribellione, che in alcuni casi ha reso naturale lo spostamento da un’organizzazione all’altra.

Non va sottovalutato lo spirito cameratesco temprato nelle osterie cittadine, divenute  punto di ritrovo degli inquieti sovversivi, che ad ogni stormir di fronda si riaccendono e sognano il riscatto, brindando al sole dell’avvenire.

L’ora del riscatto sembra essere giunta e non si può assolutamente lasciarla sfuggire.

DIPLOMA.png

Le donne

All’interno di un universo quasi interamente maschile, nelle due bande operano alcune donne.

Quattro, patriote, nella banda Barbaranelli: di Bieda sono le sorelle De Santis, Maria e Caterina, e Gnocchi Antonia, di S. Giovenale Canaletti Francesca.

Quattro sono anche le donne impegnate nella banda Maroncelli.

Una, Anna Pagani, 46 anni, è partigiana combattente, le altre, la diciassettenne Adriana Randazzo, Alba Volpi e Adele Cima, sono patriote.

Adele è la degna componente di una famiglia impegnata da decenni. Salvatore Cima è stato segretario della Sezione PCI di Civitavecchia fino al 1925 e ha subìto una condanna al confino, mentre i due fratelli Aurelio e Aristodemo per il loro atteggiamento sono stati sottoposti al controllo costante della polizia.

Anna viene invece citata in una testimonianza, riportata da Ferdinando Bianchi nella  sua “Storia dei Tolfetani” , resa da  uno degli arrestati del 7 aprile: “ Non ci fucilarono perchè una donna di Allumiere, Anna Pagani, aveva fatto in tempo a nascondere tutte le armi destinate alla banda, i libri di Lenin e altri volantini partigiani. Se li avessero trovati non ci saremmo salvati.”

La citazione sottolinea  il ruolo attivo di queste donne e  la loro vigile concretezza.

In pochi giorni la banda ha raggiunto una dimensione complessa.

“ Alla fine di settembre, avendo la banda partigiana raggiunto un numero di componenti facilmente individuabili, è stato necessario stabilire vari accampamenti e creare un’organizzazione per l’approvvigionamento dei viveri e delle armi come pure all’equipaggiamento dei vari nuclei dislocati nei boschi della zona”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’altra metà della Resistenza: Targa commemorativa in ricordo del contributo femminile alla Resistenza; Ancora fischia il vento; Olema Righi;  Partigiana Juna.

 

CLAUDIO GALIANI

… continua (il prossimo capitolo (IV) venerdì 19 luglio 2019)
https://spazioliberoblog.com/2019/07/19/anatomia-di-due-bande-iv/