TRISTIARIO: PILLOLE DI TRISTEZZA SOMMINISTRATE CON BRIO. TALE ALBERO TALE LIBRO

(Raccolta tematica di miei status Facebook, non meglio identificabile se non con questo titolo; se un giorno sarà genere letterario, ricordate il pioniere Tristiario)

 di ELISABETTA APPETECCHI ♦

TALE ALBERO TALE LIBRO

Tutti abbiamo la home di Facebook invasa da lucine e alberi di Natale. E se è vero che dietro ogni albero si nasconde un libro, questa è un’agile guida che vi permetterà di capire quale libro sarebbe potuto venir fuori dalla cellulosa dell’albero di Natale che tenete in ostaggio in salotto.

Premessa: la presente guida non contempla i libri elettronici, che tradizionalmente non nascono dagli alberi, tantomeno da quelli di Natale. Se proprio li preferite usate Adobe Reader, che mi dicono riesca a leggere sotto gli addobbi.

Quale libro si nasconde sotto i vostri addobbi? Scopritelo qui.

– Via col Vento: se avete addobbato il vostro albero in condizioni meteorologiche estremamente avverse

– Cime tempestose: se per lo stesso motivo di cui sopra è stato assai impegnativo mettergli il puntale

– Il rosso e il nero: se alla fine vi siete resi conto che a parte le lucine rosse tutte le altre erano fulminate

– Il barone rampante: se sentite spesso l’impulso irrefrenabile di arrampicarvici sopra

– Il ritratto di Dorian Gray: se nella realtà è bellissimo ma esce orribile nelle foto

– 1984: se vi sentite spesso osservati

– Il deserto dei tartari: se è passato moooolto tempo prima che siate riusciti ad addobbarlo

– La nausea: se ne avete abbastanza di tutte quelle palle

– Odissea: se avete messo solo lucine blu, che ai vicini ricordano le sirene della polizia

– Il mago di Oz: se non vedete l’ora che finiscano le feste per farlo sparire

– Uno nessuno e centomila: se lo vedete sempre più bello di come lo vedono i vostri ospiti, che non ve lo dicono ma pensano che sia storto

– I Malavoglia: se lo fate ogni anno ma non ve ne importa mai un granché

ELISABETTA APPETECCHI