Olympic war games

di ETTORE FALZETTI 

Potrà accadere fra duecento anni che il Bhutan vincerà i mondiali di calcio, che un eritreo sarà oro olimpico nella lotta greco-romana e un portoricano vincerà la coppa del mondo nello slalom gigante. Potrà accadere perché la geografia dello sport sta cambiando: quando io ero bambino statunitensi e inglesi erano pressoché inesistenti nelle competizioni ciclistiche, Africa e Antille si affacciavano timidamente all’atletica e in ginnastica vincevano solo russi/e e giapponesi.

Eppure, se andiamo a guardare i medaglieri olimpici degli ultimi settanta anni, possiamo osservare che le gerarchie mondiali dello sport sono sostanzialmente rimaste immutate con qualche variazione dovuta a eventi politici epocali come la disgregazione dell’Unione Sovietica e la fine dell’isolamento cinese.

Questo il medagliere delle Olimpiadi di Roma nel 1960, le prime che seguii in tv (nessuno in famiglia pensò che valesse la pena di andare a seguire qualche evento dal vivo..)

foto-1-ettore

Provo a fare un audace parallelo con le olimpiadi di Rio, ovviamente le ultime che ho seguito. Audace per una quantità di motivi, per il numero delle nazioni partecipanti (83 contro 207), degli atleti (5338 contro 11303), delle discipline ( 21 contro 42) e per una fondamentale differenza: le olimpiadi erano allora riservate ad atleti formalmente dilettanti; per questo non potevano  trovarvi posto sport di dichiarato professionismo come tennis e golf; per questo –in alcune discipline-  si assisteva all’anomalia di vedere a confronto il meglio dello sport sovietico coi suoi esperti dilettanti di stato con  giovani promesse occidentali. Avrebbe vinto l’oro di ciclismo su strada il russo Kapitonov se anziché con Trapè se la fosse dovuta vedere con Anquetil, Nencini o Van Looy? Certo poi nel pugilato i sovietici rischiavano di trovare giovani come Cassius Clay o Nino Benvenuti, ma questa è un’altra storia.

 Guardando il medagliere di allora si può notare che le nazioni leader sono più o meno le stesse di oggi, salvo – come detto- l’assenza della Cina che allora non era riconosciuta (lo era invece Taiwan che conquistò un ‘unica medaglia –d’argento- in una sia pur memorabile gara di decathlon). Non tragga in inganno la mancanza fra le prime dieci di Francia e Gran Bretagna che –incidentalmente- toccarono a Roma il punto più basso della loro prestigiosa storia sportiva; né si sopravvaluti l’exploit turco con medaglie ottenute esclusivamente nella lotta.

Viceversa l’Italia ottenne il suo massimo risultato per numero di medaglie e per posizione in classifica, favorita certo dal fatto di giocare in casa, ma soprattutto dal dominio –mai più ripetuto- nelle competizioni di ciclismo (cinque ori sui sei disponibili più un argento e un bronzo!) e dalla strepitosa performance nel pugilato con ben sette medaglie, di cui tre d’oro. Risultati che stridono fortemente con quelli di Rio: zero medaglie nel pugilato e un oro e un bronzo nel ciclismo in specialità nuove se non nuovissime.

Non troveremo nel medagliere romano paesi come il Kenya, destinati di lì a poco a esercitare un incontrastato potere per decenni nelle gare di mezzofondo e fondo in atletica leggera, anche se fu proprio allora che per la prima volta un uomo degli altipiani – correndo scalzo sui sampietrini –vinse la maratona, era l’etiope Abebe Bikila. Non troveremo neppure la Giamaica per il semplice fatto che allora non esisteva, ma atleti giamaicani conquistarono medaglie (solo di bronzo..) nell’atletica leggera correndo sotto la bandiera delle Indie occidentali insieme a colleghi di Trinidad e delle Barbados.

La Germania, partecipando unificata ( il muro fu innalzato un anno dopo), ottenne le stesse 42 medaglie di oggi a Rio, assai meno della metà di quelle che la sola Germania orientale avrebbe conquistato (a forza di steroidi) a Mosca 1980 e Seul 1988.

 

A contendersi il primato troviamo, in un’ideale prosecuzione della guerra fredda, Unione Sovietica e Usa: fino a Barcellona 1992 si alterneranno al comando, poi con la disgregazione della prima gli americani troveranno un altro potente competitore nella Repubblica popolare cinese. Eppure ancora oggi, se per gioco provassimo (impropriamente e scorrettamente per il moltiplicato numero degli atleti) a sommare i risultati di Russia, Ucraina, Bielorussia, Lituania, Estonia, Uzbekistan, Kazakistan, Azerbaijan, Tagikistan, Armenia, Moldova, Georgia arriveremmo a 142 medaglie complessive di cui 34 d’oro contro le 121/46  degli Stati Uniti.

Ci si potrebbe domandare se queste gerarchie abbiano corrisposto e corrispondano alla potenza economica e/o demografica degli stati. In linea di massima sì (ad esempio tutti i paesi del G8 si piazzano nei primi undici posti del medagliere), con l’eccezione in entrambi i casi dell’ India (il paese meno “sportivo” del mondo in base a un dato che riporterò a breve), ma con modesti riscontri anche di Messico, Indonesia, Arabia Saudita e dello stesso Brasile, sia pur favorito dal giocare in casa con conseguente miglior performance olimpica di sempre. Naturalmente, quando si valuta il numero delle medaglie, è opportuno valutare quanto esse siano spalmate su varie discipline (abbiamo già ricordato il caso della Turchia a Roma), tuttavia se volessimo divertirci a considerare il rapporto fra popolazione, ricchezza e successi olimpici potremmo prendere a prestito dei dati pubblicati sul Sole 24 ore qualche giorno fa, riferiti naturalmente alle Olimpiadi di Rio. Risulterebbe in testa per medaglie rispetto agli abitanti e al Pil nientemeno che Grenada (una medaglia ogni 100.000 abitanti e per soli 600 milioni di euro di Pil) confermando il primato di quattro anni prima. Peccato però che questo doppio exploit sia dovuto a un unico atleta..caso che si ripete per molti altri piccoli paesi che con solamente una o due medaglie schizzano ai primissimi posti.

Andando però a vedere i paesi “più consistenti”, troviamo curiose risultanze.
Gli Usa, stravincitori nel medagliere assoluto, precipitano al 39° posto in relazione alla popolazione (poco dietro l’Italia) e addirittura al 60° rispetto al Pil (venti gradini più giù dell’Italia). Molto peggio fa la Cina (66° e 67° posto), decisamente meglio la Gran Bretagna (15° e 31°), disastrosa l’India, ultima –e di molto- in entrambe le graduatorie: due sole medaglie per una popolazione di quasi un miliardo e trecento milioni di abitanti e il decimo Pil al mondo. Fra i G20 pessimi risultati di Indonesia e Messico e dello stesso Brasile, mentre l’Arabia Saudita semplicemente non compare affatto nel medagliere.

Spiccano i risultati di paesi piccoli, ma di grande e consolidata cultura sportiva come Ungheria (11° e 16°) e Paesi Bassi. Emergente l’ancor giovane Croazia, in enorme flessione la Finlandia- fino a pochi decenni fa dominante in alcune specialità dell’atletica-, assai ridimensionata rispetto al recente passato Cuba.

Evidentemente questi indicatori non vanno presi troppo sul serio, Molti altri ne dovremmo considerare: secondo lo studioso di Harvard Daniel Reyche  la ricchezza e la popolazione non bastano, altrimenti non si spiegherebbe come mai il Kenya, con poco più degli abitanti dell’Arabia Saudita, ma enormemente più povero,  abbia nella storia olimpica conquistato 100 medaglie contro 3. E’ una questione di strategie politiche: mettere le donne in condizione di sfruttare il potenziale di metà della popolazione, creare istituzioni sportive forti, specializzarsi in alcuni sport,  adottare per primi tecniche e sport nuovi.

Ci sarebbe poi un’altra strada più spiccia  per ottenere successi sportivi, percorsa dai paesi del golfo, ma non solo: la rapida naturalizzazione. Un po’ come con i brasiliani per il calcio, per l’atletica si va a fare la spesa al mercato antillese o degli altipiani d’Africa.

Cosa non si farebbe (doping a parte) per qualche medaglia in più..

Non mi dilungo oltre in questo mio piccolo divertissement, scusandomi con l’amico Nicola Porro per avergli invaso un po’ il campo e confidando in sue illuminanti postille.

ETTORE FALZETTI