Quattordece de maggio, è primavera

di ETTORE FALZETTI ♦

Trent’anni fa Giuseppe Croce pubblicava Canti della città vecchia, una rievocazione poetica agrodolce di alcune pagine di storia cittadina, ma anche una  serie di bozzetti divertiti e dissacranti di personaggi e episodi contemporanei. Nel maggio 2014 ho portato in scena alcuni dei canti, con Silvio Serangeli come narratore e le musiche originali dal vivo di Gianni Bonavera e Gianni Fusini.

Non poteva mancare in questa raccolta una commossa memoria del bombardamento che qui propongo, seguita dal sonetto Paesaccio mio, una dichiarazione di amore-odio a una città colma di difetti e contraddizioni, ma dalla quale – a quanto pare- è assai difficile staccarsi.

Videoclip da Er Paesaccio mio …

Questi i testi:

 

Quattordece de maggio

Quattordece de maggio, è primavera,

appen’ appena er vento increspa er mare…

er porto s’arifresca mentr’ aspetta

che parteno le navi quann’è sera;

se fa ‘na sigaretta ‘n militare

scendendo dar bastione a la scaletta,

un ragazzetto co’ la maja a strice

butta la lenza dall’antemurale,

co’ la carozza vota ‘n vetturino

dala stazione core verso er viale,

un sardegnolo magna pane e alice

all’osteria der ghetto e aspetta er vino,

ar grannhotel qualcuno ancora pranza,

‘n bersajere aspetta la partenza

ar molo der bicchiere: va’ n Sardegna

co’ tutti l’antri de la compagnia,

co’ na palla de’ stracci ‘n ragazzino

tutto sudato ggioca ner cortile,

s’ affaccia ‘na signora dar barcone.

Je pare che la chiama ggiù er postino.

In quer momento er tempo s’è fermato,

dar tepore de maggio , sordo, sorte

e s’avicina un rombo de motore,

come ‘ n serpe freddo e srotolato

e sta città, com’era allora, more.

è annata via la ruga dar ber viso

der bersajere, er ragazzetto

pesca ‘n mare der Zignore,

sora rosa ha smesso d’aspettà che er fijo scriva,

er vetturino sotto a’n cornicione

s’è sfranto co’ cavallo e co’ carozza,

sta sotto le macerie er regazzino

ch’ha perzo la partita de pallone,

se sente ‘n vecchiarello che singhiozza,

er sardegnolo s’è scordato er vino.

La ggente  dell’arbergo a lungomare

senza piagne e capì lassa sta vita,

pare  appoggiato ar muro er militare

e regge ancora stretta fra le dita

la cicca spenta de la sigaretta.

 

Paesaccio mio

Ce so’ vissuto male, porcoggiùda,

nun ciò trovato gnente che me piace

ma prima che la porta me se chiuda

pe’ metteme ar lardello o ‘n santa pace

 

te vojo fa sapè, paesaccio mio,

tèraccia d’aroganza e d’anarchia

e de promesse fatte all’osteria,

de maggnapreti cor timordiddìo,

 

voltagabbana quanno je conviene,

rubbagalline farzi e farisei,

che puro si sée quello che sei

in fonno ar core t’ho voluto bene;

 

e si te tratto male com’adesso,

l’ho fatto co’ ‘na pena drent’ar core,

perché ognittanto, te vorei mijore…

e si te lasso, me te porto appresso.

di ETTORE FALZETTI